Skip to content

bad guy

09/11/2010

è raro:  lo chiami giro dell’isolato, serve a pompare sangue al corpo ammalato di quelle nove ore diurne, re della boxe impiegatizia e degli incontri verbali, schiavo vestito da parata, ma miserabile della dignità e della morte al lavoro.  se almeno sapesse di idraulica, di elettricità.

noi diciamo:  “dare il culo”, ma è più l’anima che diamo (non la parola giocata dal prete come una carta truccata. intendo quella del guerriero che alza il petto l’ultima volta con i capelli da una parte e schiena a terra, e in controluce scivola via dalla bocca da fumetto. oppure quella verde, o rossa, vapore di carnevale a forma d’uomo che si chiude in una bottiglia lestamente in una storia di possessioni di profonda louisiana).

quindi giri l’isolato e verso la fine di un pianto tropicale per violenza e umidità, ma un tropico handicappato, che di sacro non ha nulla, affiora Bach. da dove cazzo viene? niente, il bangladese all’angolo, che ben più di 9 ore le ha passate a vendere frutta e alluminio dimenticate dalla spesa grande, suona il violoncello nella strada che porta alla stazione, che non è una strada di passaggio, che non ha un cappello e una scimmia e un organetto, che non chiede soldi o attenzione ma anzi la rifiuta con un sopracciglio alzato, la sigaretta fumante, liberato per un attimo dal jazzclub fasullo dove lo sbatterebbero come un tocco esotico, e mi getta pure un’occhiataccia: vaffanculo.


perfetto. bellissimo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: