Skip to content

Corpus/Hunger

21/11/2011

Michael Fassbender as Bobby Sands in HUNGER [Steve McQueen 2008]

“Ma dove sono i corpi? I corpi sono innanzitutto al lavoro. I corpi sono innanzitutto alla pena del lavoro. I corpi sono innanzitutto in viaggio verso il lavoro, di ritorno dal lavoro, ad aspettare il risposo, a prenderselo e a liberarsene subito, o stanno a lavorare, a incorporarsi nella merce, merce essi stessi, forza lavoro, capitale che non si può accumulare, vendere, esaurire sul mercato del capitale accumulato, accumulatore.  La téchne creatrice crea i corpi di fabbrica, di officina, di cantiere, di ufficio, partes extra partes che, in figure e movimenti, si accordano con l’intero sistema, pezzi, leve, giunti, incastri, filettature, incapsulamenti, fresature, disinnesti, imbottiture, sistemi regolati, regolarità sistemiche, stoccaggi, manutenzioni, sgravi, rottami, controlli, trasporti, pneumatici, oli, diodi, cardani, forcelle, bielle, circuiti, dischetti, fax, markers, temperature elevate, liofilizzazioni, perforazioni, cavi, canalizzazioni, corpi incanalati solo verso la loro forza monetizzata, solo verso il plusvalore di capitale che si raccoglie e si concentra là.
E non dite che questo è un discorso arcaico.
Capitale vuol dire: corpo mercanteggiato, trasportato, spostato, ricollocato, rimpiazzato, messo in un posto e in posizione, fino all’usura, fino alla disoccupazione, fino alla fame, corpo bengali chino su un motore a Tokyo, corpo turco in un cantiere di Berlino, corpo nero carico di bagagli bianchi a Suresnes o a San Francisco. Capitale vuol dire anche: sistema di iper-significazione dei corpi. Niente è più significante/significato della classe, della pena e della lotta di classe. Niente sfugge di meno alla semiologia dello sforzo subito dalle forze, dalla torsione dei muscoli, delle ossa, dei nervi. Guardate le mani, i calli, le incrostazioni, guardate i polmoni, le colonne vertebrali. Sporchi corpi salariati, sporcizia e salario come un anello chiuso di significazione.
Tutto il resto è letteratura.
Fine della filosofia e soprattutto di ogni filosofia del corpo, così come di ogni filosofia del lavoro. Liberazione dei corpi, invece, – riapertura dello spazio che il
capitale concentra e reinveste in un tempo sempre più serrato, acuto, stridente. Corpo made in time. La creazione è, lei sì, eterna: l’eternità è l’estensione, il mare che si confonde col sole, lo spaziamento come la resistenza e la rivolta dei corpi creati.”

pp.89-90, Jean-Luc Nancy – CORPUS, Cronopio 2004

[frames da Hunger di Steve McQueen, 2008]. Un film indimenticabile.

Advertisements
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: